Il Bed and breakfast in condominio

bb

Un coppia intende avviare un’attività di bed and breakfast all’interno di un condominio, e sottopone dunque la questione al vaglio dell’assemblea condominiale, che la boccia. E’ legittima la decisione del condominio? L’assemblea condominiale può vietare l’attività che la coppia vuole iniziare?

Principalmente è necessario appurare se il regolamento condominiale dello stabile ove la coppia vuole avviare l’attività sia di natura assembleare oppure contrattuale. La distinzione non è di poco conto dal momento che solamente il regolamento contrattuale (vale a dire quello predisposto dal costruttore e sottoscritto in sede di rogito dai condomini), può contenere limitazioni all’utilizzo ed al godimento delle parti di proprietà esclusiva. Diversamente, il regolamento di natura assembleare (ovverosia quello predisposto dai condomini in proprio) non può contenere tal genere di limitazioni (in questo caso, dunque, la delibera condominiale sarebbe chiaramente illegittima). Tenendo quindi in conto la mera ipotesi di regolamento contrattuale, diverse sono le considerazioni da svolgere. In primis è bene precisare che l’attività di bed and breakfast, per poter essere vietata, deve essere espressamente indicata nel regolamento o, comunque, debbono esservi inseriti riferimenti a simili attività che, per analogia, non possano che condurre, inequivocabilmente, a ritenere vietata l’attività in discussione. In passato, la Cassazione civile (sentenza n. 26087/2010) ha ritenuto vietata l’attività in parola in caso di regolamenti che proibivano “l’attività alberghiera di affittacamere e pensione”.

Più di recente, invece (sentenza n. 24704/2014), ha ritenuto che nessun divieto fosse rinvenibile in caso di regolamento che conteneva questo passaggio: “ è fatto divieto di destinare gli appartamenti ad uso diverso da quello di civile abitazione o di ufficio professionale privato”. La Corte in tal caso ha ritenuto che la destinazione a civile abitazione di un appartamento fosse presupposto per utilizzare un’unità abitativa ai fini dell’attività di bed and breakfast e che, quindi, non si verificasse un cambio di destinazione d’uso dei locali. Allo stesso tempo, nel caso specifico, la Corte ha ritenuto che l’attività in discussione non comportasse alcun pregiudizio per gli altri condomini.

In buona sostanza, si può ragionevolmente affermare che il divieto di svolgere in condominio un’attività di bed and breakfast può scattare solamente laddove il regolamento condominiale, di esclusiva natura contrattuale, limiti il diritto di proprietà dei singoli condomini in forza di un’espressa previsione ed un’analitica specificazione dei limiti che si intendono porre alla proprietà stessa. In parole semplici: il divieto sussiste se nel regolamento sta espressamente scritto che è vietata l’attività di bed and breakfats oppure se vi sta scritto che è espressamente vietata un’attività che, per come descritta, è chiaramente riconducibnile a quella di bed and breakfast.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...