In strada con l’accetta: è reato?

accetta

Un uomo parcheggia il proprio camion dotato di impianto frigorifero nel cortile di una Società. Un altro uomo, che risiede nell’abitazione confinante, si sente disturbato dal rumore del refrigeratore e decide di scendere in strada per protestare. Rivoltosi al conducente del camion, minaccia di tagliare il filo della corrente dell’impianto nel caso non venga spento. Inascoltato, l’uomo rientra in casa, raccoglie una piccola accetta, torna al camion e si fa giustizia da sé, esattamente come preannunciato. Tutto finito? Certo che no.

L’autore del gesto viene infatti denunciato. Segue un processo che in primo grado sfocia nella condanna dell’imputato: ricorrendo l’ipotesi lieve, viene condannato alla pena di euro 700 di ammenda per il reato di porto abusivo di uno strumento atto ad offendere. Non segue condanna ex art. 392 c.p. (esercizio arbitrario delle proprie ragioni con violenza sulle cose) essendo intervenuta remissione di querela. Contro la sentenza ricorre in Cassazione lo stesso reo.

La Corte richiama l’art. 4, comma 2, della legge 110/1975 secondo cui “senza  giustificato  motivo  non  possono  portarsi  fuori  della propria abitazione o delle appartenenze di essa,  bastoni  muniti  di puntale  acuminato, strumenti da punta o da taglio atti ad offendere, mazze, tubi,  catene,  fionde,  bulloni,  sfere  metalliche, nonche’ qualsiasi  altro strumento non considerato espressamente come arma da punta o da taglio, chiaramente utilizzabile, per  le  circostanze  di tempo e di luogo, per l’offesa alla persona”. Gli strumenti elencati, sostiene la Corte, sono perfettamente equiparabili ad armi improprie, motivo per cui il loro porto costituisce reato per il caso avvenga senza giustificato motivo.

L’accetta, evidenzia poi la Corte, non rientra nel sopra citato elenco, ma vi può rientrare essendo comunque strumento “non considerato espressamente come arma da punta o da taglio, chiaramente utilizzabile, per  le  circostanze  di tempo e di luogo, per l’offesa alla persona”.

Due sono quindi le condizioni perché vi possa essere condanna: l’utilizzo senza giustificato motivo dello strumento e la possibilità che lo stesso possa essere utilizzato per l’offesa alla persona. Fermo questo ragionamento, la Corte ha deciso, con la sentenza n. 6165/2015, che lo strumento usato dal reo non poteva rientrare tra quelli di cui all’art 4, comma 2 della legge 110/1975, atteso che si trattava di “un arnese utilizzato nei lavori di montagna  per il taglio di piccoli pezzi di legno”, e quindi non utilizzabile in concreto per l’offesa alle persone.

La Corte ha quindi annullato la sentenza di primo grado perché il fatto non sussiste.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...