E’ culturalmente appropriato amare un cane quanto un figlio?

canefigli

Siamo a Como. Due coniugi decidono di separarsi consensualmente. Depositano dunque l’apposito ricorso in Tribunale dando atto di non avere prole, di non avere beni in comune e di essere entrambi economicamente autosufficienti. I coniugi danno altresì atto di possedere un animale domestico, un cane, sicchè nel ricorso stendono nel dettaglio le condizioni economiche e relazionali alle quali entrambi, una volta definitivamente separati, dovranno attenersi affinchè l’animale possa serenamente continuare la propria esistenza.

Continua a leggere “E’ culturalmente appropriato amare un cane quanto un figlio?”

Annunci